CASO E FATO

Tantissime persone non riescono proprio a fare a meno di cercare disperatamente un significato a quel caotico e frenetico susseguirsi di eventi, d’ogni genere ed entita’, che costituisce l’essenza dell’esistenza umana. Cercare un senso alla vita e’ anzi uno dei tratti distintivi dell’Homo sapiens. Gli esseri umani odiano il Caso. Un’esistenza dannata dalla pura casualita’ significa totale assenza di controllo, … Continua a leggere

MUSICA E TECNOLOGIA

  Amo la musica. Amo ascoltarla e, per quasi quindici anni ho suonato la chitarra nella mia band. Quindi quando dico che amo la musica, dico sul serio.. I miei gusti musicali sono piuttosto eclettici: dalle sinfonie di Beethoven alle ballate folk, dal nu-metal alla musica sperimentale, praticamente ascolto di tutto (con l’eccezione della musica piu’ commerciale e discotecara – … Continua a leggere

FUTILE

Ciò che accadde tre anni fa. Allorchè mi ritraggo in me stesso, la chiostra dei suoi denti diviene una costellazione maligna nelle tenebra slabbrate di quella sera di maggio. La sua nudità, anche se celata dalle coperte sotto cui ci troviamo, provoca in me una sorta di sottilissimo senso di repulsione, lo stesso che immancabilmente mi ritrovo a provare davanti … Continua a leggere

SOGNI

Che spettacolo quel tizio strano in punta di piedi sul tetto della carrozza funebre, mentre urla – non si sa se al Cielo o all’Inferno – “non sono morto!”. Allunga una mano ad afferrare uno dei quattro pennacchi neri agli angoli del tetto, con il gesto capriccioso di un bambinetto che coglie – ma in verità strappa con deliziata crudelta’ … Continua a leggere

ALI

Dopo aver fallito per l’ennesima volta, Icaro decide di averne abbastanza di cieli indomabili e abissi dal fondo spezza-ossa. Le ossa di Icaro non sono certo cave come quelle dei gabbiani che stridono nel cielo d’inverno che gli pesa sul capo. Le ali di Icaro sono solo un guazzabuglio di cera, legno di balsa e iuta. Eppoi nel suo cuore … Continua a leggere

MELANCOLICA

‭ Poiche’ i miei occhi vedono solo ‭ombre e penombre ‭e non la luce che ombre e penombre crea; ‭poiche’ le mie orecchie sentono solo pause e incertezze ‭e non quel silenzio che contiene piu’ significato di mille parole; ‭poiche’ i miei ricordi sono melanconici e sfuggenti: ‭gesti incompiuti e mai ritrovati, parole sentite e mai ascoltate, ‭cio’ che non … Continua a leggere

SENESCENZA

Ecco: un’altro sogno: creatura d’inferno, principessa reietta che mi corre appresso, ombra nell’ombra di malebolge deserte, come se anche i dannati e i diavoli che lor percuotono n’avessero uggia e sgomento: ombra d’ombre. Ma forse non e’ un sogno, solo un’impressione sfuggente, qualcosa che del sogno ha la medesima sostanza ma anche la consistenza d’una lama sulla pelle nuda. La … Continua a leggere

PICCOLA VISIONE

Narciso, di bianco vestito, siede tra i tamerici in fiore, con un flauto in mano, nel torbido ed assolato meriggio estivo. Il suo pensiero scivola alla fanciulla dai capelli d’alghe, la giovane figlia del mare che ebbe un di’ di maestrale. Il Mar Egeo, splendente di schegge di sole per un attimo lo acceca, ma lui vede oltre con un … Continua a leggere

L’ODIO

Quale sorriso le si era rappreso sulle labbra, un grumo di sangue maledetto ! I pendenti di perle e argento afferravano la luce obliqua del sole che, tra i listelli sbrecciati della veneziana, intagliava con le sue lame polverose l’aria immobile e carica d’elettricità della stanza. Lei, vergine senza velo, sedeva in fondo al letto, con i piedi sommersi in … Continua a leggere

NON SOCIALIZZARE

Dentro, fuori, dentro, fuori… e l’atto della respirazione si fa sempre più difficile, ostacolato dall’improviso collasso e dalla conseguente caduta nello psicopantano in cui tale carne, confusa dalla mia immobilità – quasi che essa fosse un predatore che affida l’esito della predazione alla capacità di rilevare il minimo movimento, mi ha costretto. Stacco: carrellata a seguire. “Se tu fossi più … Continua a leggere